Storytelling e disabilità: Nuove Opportunità di Crescita per i bambini dell’Istituto Sant’Angelo di Loverciano [terminato]

This post is also available in: Inglese

C’è un modo di migliorare le capacità di leggere, scrivere, disegnare, le competenze tecnologiche, ma soprattutto l’autostima, l’espressività e la creatività divertendosi con un lavoro collaborativo e multidisciplinare? I risultati del Progetto Nuove Opportunità di Crescita per i bambini dell’Istituto Sant’Angelo di Loverciano dicono di sì!

Contesto
Il progetto, coordinato da seed, ha coinvolto 10 insegnanti di educazione speciale e circa 40 bambini con bisogni speciali tra i 5 e i 16 anni dell’Istituto Sant’Angelo di Loverciano, una scuola speciale vicino a Mendrisio, in Ticino. La scuola ospita, permanentemente o solo durante il giorno, bambini con diversi tipi di disabilità che studiano all’interno della struttura.

Durata del progetto
Ottobre 2008 – giugno 2009

Obiettivi
Migliorare la capacità espressiva, relazionale e di apprendimento, oltre ad aumentare l’autostima dei bambini che prendono parte alle attività del progetto.
Sviluppare le competenze informatiche dei partecipanti (bambini, adolescenti e anche insegnanti).
Imparare a lavorare in gruppo per un progetto.

Attività
Il progetto nasce dal desiderio di verificare l’utilità delle nuove tecnologie per lo sviluppare il potenziale dei bambini con difficoltà cognitive e disabilità fisiche. Tale potenziale non può essere spinto a pieno con i soli mezzi tradizionali. Il progetto si basa sulla considerazione dell’importanza dello storytelling, dell’immaginazione, dell’espressione e della comunicazione come stimoli per lo sviluppo personale.
Le tecnologie diventano uno strumento di apprendimento, un approccio che in molti casi facilita alcuni processi espressivi e offre altri stimoli ai bambini. Il progetto è strutturato in quattro fasi di implementazione principali: la formazione degli insegnanti dell’istituto e la progettazione insieme; le prime attività legate alle storie: l’ascolto e la recitazione; le successive attività legate alle storie: la scrittura e la produzione del video; la valutazione dei risultati e la prospettive future.

Risultati
Un DVD con più di 20 minuti di storie digitali animate è stato presentato ai partecipanti all’evento conclusivo dell’anno scolastico.
Uno spettacolo dal vivo per spiegare il progetto durante l’evento conclusivo dell’anno scolastico.
La colonna sonora, registrata in uno studio professionale, che è stata anche incisa su CD.
Questi sono solo sintomi di un apprendimento più profondo, che ha portato a percorsi educativi personalizzati e obiettivi adatti a ogni partecipante.

Partner
Istituto Sant’Angelo di Loverciano

Finanziamento
Fondazione Margherita, di Lugano

Budget
26’400 CHF, di cui 11’800 coperti dall’associazione seed e dall’Istituto Sant’Angelo di Loverciano, e 14’600 finanziati dalla Fondazione Margherita.

Links
http://loverciano.ch/
Follow on the blog the project Storytelling Loverciano